In primo piano

Atto culturale e design

Celaschi F., Atto culturale e design. Progetto e valorizzazione dei beni culturali, in Lupo E., Perente M., Il Sistema Design Italia per la valorizzazione dei beni culturali, Poli.Design, Milano 2009, pp. 14-15.

ISBN 9788895651095

Il testo introduce il volume che raccoglie gli esiti e gli sviluppi successivi della ricerca “d.Cult: il design per la valorizzazione dei beni culturali. Strategie, strumenti e metodologie di progetto”, cofinanziata dal MIUR nel biennio 2004/2006, che ha rappresentato l’avvio di una riflessione tra le sedi di Genova, Milano (Politecnico e Univ. Statale), Torino, Roma, Napoli e Palermo sul rapporto tra design e patrimoni culturali.

Progettare la “casa del consumo”

Celaschi F., Formia E., Progettare la ‘casa del consumo’: dall’avvento della grande distribuzione al nuovo umanesimo commerciale, in “I+Diseño”, 1 (2009), pp. 80-88.

ISSN 1889-433x

“Siamo nella casa del consumo come organizzazione totale della quotidianità, omogeneizzazione totale, in cui tutto è recuperato e sorpassato nella facilità, nella translucidità di una ‘felicità’ astratta […]. Lavoro, tempo libero, natura, cultura, tutto ciò, un tempo disperso e generatore di angoscia e di complessità nella vita reale, nelle nostre città ‘anarchiche e arcaiche’, tutte queste attività lacerate e più o meno irriducibili le une alle altre; tutto questo è infine mescolato, manipolato, condizionato, omogeneizzato nello stesso travelling di uno shopping perpetuo”. Leggi il resto… »

Sharing skills in design driven innovation processes

Celaschi F., De Marco A., Staszowski E., Galisai R., Casoni G., Sharing skills in design driven innovation processes, in “Strategic Design Research Journal”, 2(1), janeiro-junho 2009, pp. 24-36.

©2009 by Unisinos – doi: 10.4013/sdrj.2009.21.04

Lingua: INGLESE

www.unisinos.br/sdrj

Il saggio isola due pratiche sperimentali chiamate “infrastructural design” e “design mediation” e ne descrive l’applicazione in un certo numero di casi studio di ricerca applicata a contesti produttivi, allo scopo di valutarne l’efficacia come strumenti di innovazione design driven. Leggi il resto… »

Attached Files:

Prefazione a “Le reti di Diotima”

Celaschi F., Prefazione, in Zanenga P., Le reti di Diotima. Società della conoscenza ed economia della bellezza, Carocci, Roma 2009, pp. 9-11.

ISBN 978-88-430-5319-3

La prefazione guida alla lettura del testo, mettendone in luce i concetti chiave. Di fronte al repentino cambiamento che si pone dinnanzi alle imprese contemporanee in seguito al fallimento di una società dominata dalla produzione finanziaria, occorre riflettere su alcuni concetti emblematici: creazione di conoscenza, valore come bellezza, patrimonio cognitivo, tecnologia della conoscenza, nuova forma del valore, fiducia e cura, design.

Valutazione dell’impatto culturale e valore della ricerca

Celaschi F., Valutazione d’impatto culturale e valore della ricerca, in De Paolis R. (a cura di), Design a Como. L’impato del sistema design politecnico nel distretto comasco, New Press Edizioni, Como 2009, pp. 19-23.

ISBN 978-88-95383-22-4

Il saggio introduce, insieme a quello di Alberto Seassaro, il libro che documenta un primo bilancio dell’istituzione del Corso di studi in Disegno industriale presso il Polo regionale di Como della Facoltà del Design del Politecnico di Milano. Un progetto didattico e di ricerca che ha attuato, sperimentandolo sul campo delle relazioni intessute con il territorio e le istituzioni locali, quel modello di struttura a rete che il Politecnico ha assunto come assetto istituzionale per far fronte alle nuove esigenze di sviluppo dei sistemi produttivi locali radicati nel territorio lombardo.

Design e territorio

Celaschi F., Germak C., Design e territorio: due scale di progetto sinergiche, in Lupo E., Campagnaro C., Designing Connected Places. International Summer School, Compositori, Bologna 2009, pp. 9-11.

ISBN 978-88-7794-660-7

Lingua: ITALIANO/INGLESE

L’intervento è parte della pubblicazione che restituisce gli esiti dell’International Summer School organizzata, tra Torino e Pollenzo, come evento del programma di Torino 2008 World Design Capital dell’Icsid. Tema della manifestazione, dal titolo Designing Connected Places, era la capacità del design di immaginare e anche comunicare scenari e tattiche per il cambiamento, operando in collaborazione con quei “committenti” che oggi operano sul territorio.

Tecnologia e valore

Celaschi F., Tecnologia e valore. La fruizione contemporanea dei beni culturali, in Faroldi E., Teoria e progetto. Declinazioni e confronti tecnologici, Umberto Allemandi & C., Torino 2009, pp. 41-51.

ISBN 978-88-422-1783-1

Inserito nel volume Tecnologia e valore, in cui è presentata una lettura interdisciplinare della tecnologia, accompagnata da una riflessione sul valore che l’innovazione tecnica può assumere all’interno del dibattito architettonico, il saggio illustra in che modo figure come l’architetto, il tecnologo, ma soprattutto il designer possano attuare azioni mirate alla valorizzazione dei beni culturali. Leggi il resto… »

Innovare la fruizione

Celaschi F., Innovare la fruizione. Un cammino metodologico per la valorizzazione dei beni culturali attraverso la cultura del design e della comunicazione, in Bozzola M. (a cura di), d.CULT Piemonte. Il design per i beni culturali e ambientali, Lybra Immagine, Milano 2009, pp. 8-23.

ISBN 88-8223-090-6

Lingua: ITALIANO/INGLESE

È possibile definire l’esistenza del “design dei beni culturali”? Questa ipotesi, di recente proposizione, è legata alla necessità di considerare i beni culturali come capitale da immettere all’interno di un processo di produzione del valore secondo logiche non completamente dissimili da altri settori produttivi. Occorre pertanto riferirsi a un giovane settore produttivo organizzato che si chiama “industria culturale”. Leggi il resto… »

L’innovazione dei punti vendita

Celaschi F., L’innovazione dei punti vendita e la ricerca design driven del Politecnico di Torino, in Cean (a cura di), L’innovazione design driven del punto vendita, Quaderno dell’innovazione v. 1, Thesis, Torino 2008, pp. 6-7.

Il testo introduce gli esiti della ricerca condotta dal Politecnico di Torino in collaborazione con Cean spa, mirata a individuare possibili corridoi di innovazione design driven per il punto vendita (PdV) nella distribuzione organizzata (DO). Leggi il resto… »

Cane a sei zampe dell’Agip

Celaschi F., Cane a sei zampe dell’Agip, in Iacchetti G. (a cura di), Italianità, Corraini, Mantova 2008, pp. 79-80.

ISBN 978-88-7570-193-2

Il  cane a sei zampe dell’Agip è incluso tra i simboli dell'”italianità” illustrati nel volume, in cui è presentato un “microuniverso simbolico fatto di piccole cose, intimamente apprezzabili e condivisibili in ogni giorno vissuto in Italia, da mattino a sera, passando nei luoghi del vivere italiano: la cucina, il bar, l’ufficio, la piazza, la strada e poi ancora il soggiorno (o più probabilmente il tinello)”.

©Flaviano Celaschi | RSS | amministrazione | spazio ftp
project by Luana Marmo | powered by Mavida snc with WordPress